Sri Chinmoy

Sri Chinmoy yoga meditazione italiaBreve biografia di Sri Chinmoy

Vai alla breve biografia (sul sito it.SriChinmoy.org)

Sri Chinmoy ha offerto la sua vita al progresso dell'umanità. Ognuno di noi può offrire qualcosa all'umanità, e qualsiasi azione positiva è un'azione di progresso.

La pronuncia corretta è: Sri Cin-mòi.

Qualche parola su Sri Chinmoy

Come agisce un Maestro spirituale? Qual è il "lavoro" di Sri Chinmoy?

Come "lavora" un Maestro spirituale? Come opera, di fatto, per insegnare la vita di Yoga e la meditazione ai suoi discepoli? Come impiega la giornata una persona che dedica tutto il suo tempo allo Yoga, alla spiritualità, ai suoi discepoli, e ad offrire qualcosa nel mondo interiore a tutta l'umanità?

Le attività di un Maestro di meditazione

Sri Chinmoy, così come qualsiasi vero Maestro spirituale, impiega il cento per cento del suo tempo per servire la Luce in lui. La Luce è in ogni essere vivente (o non vivente) e quando tu ed io diverremo una sola cosa con la Luce che è dentro di noi, saremo Maestri realizzati a nostra volta. Per questo occorrono molte incarnazioni dedicate alla ricerca interiore.

Impiegare il tempo a servire la Luce vuol dire, nel caso di Sri Chinmoy così come di tanti altri Maestri realizzati (ma non di tutti loro), fare la "manifestazione". Manifestazione è "offrire la Luce della meditazione", renderla disponibile e fruibile da tutti, in misura della capacità e sensibilità di ognuno.

Il modo più efficace e diretto di far questo, consiste nell'insegnare la meditazione dello Yoga. Ma non tutti sono interessati o hanno il tempo di seguire un corso di meditazione.

L'altro modo, meno diretto, ed efficace in misura diversa a seconda della ricettività di ogni persona, è quello di "agire" e di "creare". L'azione significa ispirazione dando l'esempio, magari attraverso la pratica dello sport. La creazione significa scrivere una poesia, registrare una musica, dipingere un quadro...Il fatto che il Maestro è una sola cosa con la Luce assoluta, vuol dire anche che ha Energia ed Entusiasmo infiniti a sua disposizione! Un vero Guru non ha veramente bisogno di riposare, e per la necessità del corpo di dormire, con il cosiddetto "sonno yogico" possono bastare una o due ore a notte. Per quanto riguarda l'entusiasmo e l'energia mentale ed emotiva per lavorare tutto il giorno alla "manifestazione", il Maestro ha accesso ad Energia ed Entusiasmo, e a tutte le Qualità, in misura infinita, grazie alla sua costante ed elevatissima meditazione.

Il "legame interiore"

Cos'è il legame interiore? Perché è importante?

La meditazione (si può dire anche così) è un flusso di consapevolezza profonda. Nella meditazione siamo tutti uniti, ci sentiamo tutti fratelli e sorelle. Se io medito, sento che anche un mio nemico è mio fratello... perché vedo o sento la parte spirituale in lui. Se io e te meditiamo insieme tutti i giorni, tra il mio cuore ed il tuo cuore si svilupperà, crescerà un legame interiore. Il legame interiore è infinitaente più solido e duraturo di un legame di amicizia solo esteriore. Ad esempio, tra due colleghi di lavoro che vanno molto d'accordo potrebbe esserci un legame di collaborazione e simpatia esteriore. Questo tipo di legame non dura e non è profondo. Se io cambio lavoro, potrei dimenticarmi dell'altra persona.

Se i sentimenti sono spiritualmente profondi uando si sta insieme, il legame diventa anche interiore, e durerà più a lungo e sarà più appagante per la felicità reciproca.

Il Guru dello Yoga e i suoi discepoli

Il rapporto dei discepoli con un vero Maestro spirituale consiste soprattutto in un legame interiore. Se è vero che spesso i discepoli più avanzati nel mondo della meditazione sono più vicini al Maestro anche esteriormente, e quindi parlano liberamente con il Maestro e restano spesso in sua compagnia, è anche vero che anche nel loro caso, la parte più importante ed essenziale del loro essere discepoli è il legame interiore con il Maestro dello Yoga spirituale (o Guru).

Un Maestro spirituale non solo medita insieme ai suoi discepoli, ma si prende la responsabilità interiore di aiutarli nel loro cammino spirituale. Il discepolo medita attraverso la meditazione del Maestro (che può essere un mantra, una fotografia del Maestro, il profondo sorriso del Maestro...), e per mezzo di queste meditazioni fa quotidianamente progresso. Gli anni passano, e il discepolo cresce e cresce interiormente, grazie all'amore e alla disponibilità interiore incondizionata del Maestro... puoi quindi immaginare che tipo di legame profondo, incorruttibile si crei.

Iniziazione

Avviene anzi qualcosa di più: mentre il discepolo sviluppa la sua connessione con il Maestro nel corso degli anni, il Maestro, se è veramente tale, ha la capacità di creare la "sua" connessione con il discepolo immediatamente. Questa connessione viene rafforzata e resa attiva per così dire, con l' "iniziazione".

L'iniziazione può avvenire in modo esplicito, oppure il Maestro può attuarla interiormente senza dirlo a nessuno, neanche al discepolo che viene iniziato. L'iniziazione sugella l'inizio vero e proprio del viaggio spirituale del discepolo, perché il Maestro in quel momento interiormente afferma: "Ho già il legame interiore con la tua anima, ma ora mi prendo la responsabilità effettiva, su tutti i piani, anche di quello esteriore, del tuo progresso spirituale".

(Stefano L.)