Yoga Festival di Roma 2010

A villa Pamphili, alla Cascina Farsetti,  uno spazio nei pressi dell' antica via Aurelia, si è svolta dal 4 al  6 giugno  la terza edizione dello Yoga Festival.

Per tre giorni negli stand allestiti per l'occasione, le varie scuole di Yoga hanno esposto libri di illustri maestri di yoga, cd, incensi, strumenti musicali, cibi integrali... Erano presenti molti discepoli delle numerose scuole di yoga presenti in Italia, quella di Yogananda, di Shivananda, di Amma, di Thich Nat Han fino agli Hare Krishna, e all'Ayurveda...

Anche gli studenti di Sri Chinmoy hanno partecipato alla manifestazione con uno stand allestito per l'occasione con i principali libri di Sri Chinmoy tradotti in italiano, con svariati cd contenenti alcuni suoi mantra, cantati o da lui o da complessi musicali di suoi studenti e  con stampe di alcuni suoi bellissimi Jharna Kala. L'allestimento dello stand è stato curato da Stefano, membro del centro di Roma ormai da molti anni, che è stato presente in tutti e tre i giorni  e che è stato la vera anima della manifestazione. Si sono alternati inoltre allo stand Gramani, Naiaja, Bruno, Giacomo, dando ciascuno il proprio apporto,  il proprio entusiasmo. Domenica 6 giugno Nayaja, Gramani e Stefano hanno organizzato un incontro col pubblico presente in cui hanno illustrato i punti fondamentali dell'insegnamento di Sri Chinmoy  ed hanno guidato alcuni esercizi pratici di meditazione. Il Festival ha avuto notevole successo con un numeroso pubblico interessato e partecipe.  Molte e interessanti le conferenze e i corsi di meditazione, gli esercizi fisici di hatha yoga praticati all'aria aperta, che sono stati tenuti nei tre giorni dai rappresentanti delle varie scuole, accompagnati da canti e recitazioni di mantra. 

Si è potuto sperimentare lo yoga e l'armonia che lo yoga genera in chi lo pratica. Infatti quello che in particolare  emergeva nei presenti era il sorriso, la gioia, a volte un po' forzata, ma in fondo sincera, di chi cerca l'equilibrio interiore nella consapevolezza che la ricerca dell'Assoluto,  non va separato  dell'armonia, della pace, della luce , dalla gioia. E' questo uno degli insegnamenti principali dello Yoga e di Sri Chinmoy che dello Yoga conserva tutti i contenuti fondamentali in una forma sua tipica. Dio si ricerca, nella gioia, nella luce, nell'armonia col proprio corpo, col mondo e con la vita, vissuti in quanto hanno di più sano e bello e luminoso.

Quanta bellezza, quanta luce , quanta gioia c'è nel mondo, quando con occhi nuovi, con uno sguardo fresco e con la meraviglia del bambino ci si apre al mondo, a quella rinascita interiore che lo yoga ci offre e che ci fa sperimentare nella meditazione.

Bruno L.

 

YogaFestival.jpg

foto: www.yogafestival.it